Estate 2018, le vacanze degli italiani

sea-418742_1280

In questa estate 2018, gli italiani che riusciranno ad andare in ferie saranno circa due su tre. Secondo l’Osservatorio mensile di Findomestic, realizzato in collaborazione con l’istituto Doxa, quest’anno le vacanze sono infatti una certezza per il 64% degli intervistati. Un dato abbastanza in linea con quello dell’anno scorso, quando la percentuale di italiani che si è concessa qualche giorno di vacanza si era attestata al 63%. Quasi uno su cinque (il 18%) invece rimarrà a casa, e tra questi oltre la metà (il 53%) rinuncerà alle vacanze per motivi essenzialmente economici. Un altro 18% invece è ancora incerto e non sa se partirà o meno.

Il mare resta la meta preferita

Quali sono le mete preferite dagli italiani per le vacanze? Il 56% rimarrà in Italia, il 20% ha scelto come destinazione un Paese dell’Unione Europea, il 6% si sposterà verso mete extra-europee e il 17% non ha ancora deciso. Che si trascorrano le vacanze in Italia o all’estero, la destinazione preferita dagli italiani rimane il mare, scelto dal 65% degli intervistati. Il 13% ha scelto un viaggio itinerante, mentre montagna e città d’arte sono le mete preferite dal 7% degli italiani. Come sistemazione, il 31% degli italiani soggiornerà in un hotel, il 19% ha affittato una casa e il 12% trascorrerà le vacanze in un villaggio turistico. Un ulteriore 11% alloggerà presso l’abitazione di amici e parenti e altrettanti hanno scelto come sistemazione un B&B o una pensione.

Vacanze più brevi ma più ricche

Il 42% degli intervistati si concederà al massimo una settimana di vacanza, e un altro 42% starà via due settimane, mentre solo il 16% ha scelto un periodo di villeggiatura più lungo. La spesa media prevista pro capite secondo l’Osservatorio è di 1.460 euro, ma tre vacanzieri su quattro mettono a bilancio di non spendere più di 1.000 euro. Tra questi, il 40% spenderà al massimo 500 euro a persona (una percentuale che sale al 47% tra gli intervistati più giovani, di età compresa tra i 18 e i 34 anni) e il 33% fino a 1.000 euro. Tra coloro che hanno invece una maggiore disponibilità di portafoglio, il 12% ha un budget di spesa fino a 1.500 euro a persona, e il 9% spenderà dai 2.000 euro in su. Il 24,1% del campione intervistato spenderà di più rispetto all’anno passato, mentre il 18,6% è convinto di abbassare la propria soglia di spesa. In ogni caso la voglia di vacanze ha raggiunto livelli record: nell’ultimo anno, secondo le rilevazioni dell’Osservatorio mensile di Findomestic, il numero di italiani intenzionati a prenotare un periodo di villeggiatura è cresciuto del 4,5%.

Sempre più prenotazioni on line

Ormai due italiani su tre (67%) si affidano a Internet per prenotare: il 41% lo fa attraverso siti dedicati, come ad esempio Booking e Tripadvisor (in particolare i 18-34enni), il 13% utilizzando il sito della struttura e altrettanti tramite le agenzie di viaggio on line. Il 22% invece contatta la struttura telefonicamente e solamente l’8% preferisce ancora recarsi in un’agenzia di viaggio.

Acquisti a rate? No grazie

La rateizzazione del costo di una vacanza rimane una pratica poco diffusa: solo il 7% degli italiani ha già acquistato a rate una vacanza o ha intenzione di farlo in futuro (un dato in linea con quanto rilevato a partire dal 2014). Il 20% degli intervistati ha dichiarato di non aver mai pensato alla possibilità di acquistare a rate una vacanza.


TOP