Em bond, meglio in valuta locale o valuta forte?

 

dollar-1362244_1280

Per la prima volta dalla crisi finanziaria, le obbligazioni emesse dai paesi emergenti in valute forti vengono negoziate con rendimenti più elevati rispetto alle corrispettive in valuta locale. Una delle ragioni di una tale relazione inversa può essere quella che gli investitori mettano in dubbio la capacità di un paese di soddisfare il proprio debito estero, mentre il debito locale può sempre essere ripagato dal momento che il denaro necessario può anche essere semplicemente stampato.

Negli ultimi mesi, gli investitori sui mercati emergenti erano sempre più preoccupati dalla forza del dollaro statunitense o dagli aumenti dei tassi di interesse Usa. Tali preoccupazioni sono state in qualche modo alleviate, ora che Donald Trump non sarà più in grado di mettere insieme grandi pacchetti di incentivi economici finanziati dal deficit, senza prima cercare compromessi bipartisan. Tale contrattazione politica richiede tempo, se non altro. Ciò dovrebbe ridurre l’emissione di debito da parte degli Stati Uniti e forse alleggerire le pressioni sulla Federal Reserve di un rialzo rapido dei tassi di interesse.

Il nuovo scenario rende interessante esaminare più da vicino le obbligazioni dei mercati emergenti. Gli investimenti in titoli a reddito fisso dei mercati emergenti si presentano in varie forme. Da un lato, c’è la scelta dell’emittente. Oltre alle obbligazioni sovrane, gli investitori possono optare per i titoli emessi da enti privati, di solito imprese. D’altra parte, c’è la scelta della valuta: spesso gli stessi emittenti emettono obbligazioni in valute nazionali e straniere. Pertanto, gli investitori possono scegliere tra obbligazioni denominate in valuta estera, tipicamente il dollaro o l’euro (spesso anche denominate “hard currency”); in alternativa, vi sono obbligazioni emesse in valuta locale.

Di solito, le obbligazioni in valuta locale offrono rendimenti più elevati. Ciò riflette in parte i tassi di inflazione, che tendono ad essere più elevati nelle economie emergenti. Quindi, a parità di altre condizioni, un titolo in valuta locale deve offrire un rendimento nominale più elevato semplicemente per mantenere il potere d’acquisto del denaro investito. Guardando i dati del Fondo Monetario Internazionale, nei paesi emergenti l’inflazione dei prezzi al consumo è attualmente pari a circa il 5%, in media.

Al contrario, si prevede che quest’anno nelle economie avanzate che arrivi leggermente al di sotto del 2%. Inoltre, i maggiori rendimenti dei titoli in valuta locale dovrebbero compensare gli investitori per il rischio di cambio. La volatilità storica dei rendimenti è significativamente più elevata per gli indici obbligazionari in valuta locale rispetto agli indici di debito in valuta estera. L’evoluzione del 2018, come le forti oscillazioni del valore della lira turca, è ricca di richiami ai rischi di cambio. Oltretutto, spesso è più difficile accedere ai mercati locali, comprando un titolo in dollari in un mercato regolamentato in uno dei centri finanziari del mondo. Tecnicamente, è tanto facile quanto acquistare un titolo obbligazionario dei mercati emergenti in valuta forte, così come lo è comprare un’obbligazione corporate europea. Tutti questi fattori spiegano perché di solito c’è una crescita dei rendimenti delle obbligazioni in valuta locale.


TOP